+

Sformatini con foglie di carote

avete presente le carote di bugs bunny, quelle con le lunghe foglie verdi?

e2500a66c3noi le compriamo spesso e devo sempre ricordare al verduriere di non staccare le foglie, mi sembra impossibile come alcune persone comprino questo tipo di prodotto per poi tornare a casa semplicemente con delle carote mozze.

forse semplicemente non tutti sanno che le foglie delle carote non solo si mangiano, ma sono buonissime e divertono tanto i bambini che sarnno felici di imitare il coniglio dei cartoni animati.

possono essere servite saltate in padella come contorno, arricchiere minestroni, rendere speciali le frittate o diventare l'ingrediente principale di torte salate e sformati.

il loro sapore ricorda il sedano, il prezzemolo e un po' anche la catalogna ma più delicato e piacevole, quindi la prossima volta che andata al mercato cercate le carote con il ciuffo e buon divertimento!


ingredienti

un ciuffo di carote

250 gr di farina tipo 1

1 uovo

30 gr formaggio grattuggiato

20 gr di olio evo

100 ml di bevanda alla soia 

1/2 bustina di lievito secco per salati

sale e pepe


lavate e tagliate a tocchetti le foglie di carote.

unite in una ciotola la bevanda alla soia, l'olio,  l'uovo e mescolate. 

aggiungete la farina, il formaggio, il lievito e in fine le foglie sminuzzate delle carote, aggiustate di sale e pepe e amalgamate bene tutti gli ingredienti.

riempite le formine da muffin non oltre la metà con l'impasto ottenuto e infornate a 220° per 15/20 minuti.

+

Crostata di cavolfiori con curcuma e besciamelle all'acqua

la natura è bellezza e in questo piatto è tutta presente!
verdi, bianchi, viola i cavolfiori sono una ricchezza per la nostra salute, contengono vitamina c, b6, k, acido folico, potassio, fosforo e magnesio.
e' ricco di fibre che migliorano la funzionalità intestinale e riducono il rischio di sviluppare e malattie croniche come il diabete.
contengono inoltre glcosinolati, isocianati che in diversi studi hanno dimostrato la loro azione antitumorale, soprattutto per il cancro al seno, al colon e alla prostata.

ingredienti
per la pasta
250 grammi di farina tipo 1
60 grammi di olio evo
70 grammi di acqua fredda
1 cucchiaio di cucrcuma

per la besciamelle
2 cucchiai di olio evo
3 cucchiai di farina tipo 1
1 bicchiere di acqua tiepida
noce moscata
sale

per la guarnizione
1 cavolfiore viola
1 cavolfiore piccolo bianco


lavate i cavolfiori, dividete le cime, cuocetele a vapore per 10 minuti e mettetele da parte

pasta
sciogliete la curcuma nell'acqua.
mescolate la farina con l'acqua aromatizzata e l'olio, impastate fino ad ottenere un composto compatto. lasciatelo riposare in frigo per 30 minuti.

ripieno
scaldate in un pentolino l'olio, versateci dentro la farina e lasciatela tostare per qualche minuto sempre mescolando.
versate l'acqua tiepida a continuate la cottura fino a quando il composto non si staccherà dal bordo. aggiungete noce moscata a piacere e una presa di sale.

tirate la pasta con uno spessore di circa 5 mm, bucherellate la pasta, copritela con la carta forno e sistematevi sopra dei pesi (ceci, riso, sale grosso) per evitare che si gonfi.
infornate a 180° per 25 minuti.
sfornate la base, lasciatela intiepidire, riempitela con la besciamelle e disponete in modo ordinato le cimette di cavolfiore.

e' possibile preparare la crostata in anticipo e scaldarla in forno (110° per 15 minuti) prima di servirla.
+

Insalata tiepida di seppie e verdure croccanti

no, niente patate e prezzemolo.

variare è la parola magica in cucina: variando cibo, cottura e abbinamenti si posso realizzare piatti sempre nuovi e sorpendenti anche semplicemente attualizzando ricette storiche note a tutti.

questo permette inoltre di adattare a specifiche esigenze nutrizionali piatti che erroneamente si ritiene di dover bandire da regimi alimentari controllati.

la seppia è un alimento tipico dei nostri mari, di conseguenza facile da reperire fresco, inoltre versatile e povero di grassi. 

in questa mia versione vi propongo di cuocere la seppia in acqua acidulata e di abbinarla a verdure crude a secondo dei gusti e della stagione.


ingredienti

3 seppie

un cespo di radicchio 

2 carote

mezzo sedano rapa

10 gherigli di noci

1 ciuffo di prezzemolo

1 cucchiaio di olio evo

succo di mezzo limone

500 ml di acqua

4 cucchiai di aceto bianco


mondate e variate i tagli delle verdure:  con un pela patate ricavate delle strisce sottili dalle carote, il sedano rapa tagliatelo a julien, il radicchio a tocchi irregolari.

unite le erdure in una ciotola e conditele con olio e limone.

tritate il prezzemolo e sminuzzate le noci

lavate la seppia e tagliatela a strisce di circa 1 centimetro,

portate l'acqua con l'aceto a bollore, cuocete la seppia per 3 minuti e scolatela.

componete il piatto e servitelo tiepido

+

Insalata con ceci speziati, pomodori e cetrioli

l'abbinamento più classico per la più classica delle insalate, pomodori e cetrioli ma questa versione ha in sè sapori e consistenze inaspettete.


ingredienti
(per 4 persone):

2 cetrioli

250 g di pomodori cigliegino 

!00 g di ceci lessati

mix di spezie (io: cumino, curry, paprica dolce)

8 foglie di basilico

sale e pepe

olio evo


disponete
i ceci in una teglia e conditeli con olio, sale, pepe e il mix di spezie che più vi piace.

riponete la teglia in forno ventilato a 110° per circa mezz'ora e lasciare raffreddare.

lavate i pomodori e tagliateli a spicchi.

pelate i cetrioli e tagliateli a rondelle.

componete il piatto aggiungendo foglie di basilico, olio evo e sale.

+

Mini burger di ceci con vellutata di scarola

sostituire le proteine animali con quelle vegetali comporta noteveli vantaggi: riduce l'assunzione di grassi, aumenta l'apporto di fibre e non meno imporante ci permette di variare i sapori e le ricette rendendo l'atto di nutrirsi non solo una necessità ma un piacere.
per questa ricetta ho utilizzato i ceci precotti in modo da abbattere i tempi di preparazione e renderli perfetti anche gli impegni lavorati e famigliari non lasciano troppo tempo per la cucina.
inoltre basta aumentare le dosi per avere pronto anche il pranzo fuori casa, basta sostituire la vellutata con delle verdure crude o cotte ma sicuramente di stagione!!


ingredienti per 4 persone:
125 g di ceci precotti

mezza cipolla (opzionale)

un mazzetto di prezzemolo

mezza cespo di scarola

100 g di yogurt grecp 0% (facoltativo)

4 cucchiai di olio evo

pan grattato

farina di ceci

sale e pepe qb


sciaquate
i ceci sotto l'acqua corrente e lasciateli scolare.

inserite nel mixer il prezzemolo, la cipolla, i ceci e un cucchiaio di olio evo e frullate fino a rendere il tutto omogeneo, aggiustate di sale e pepe.

lasciate riposare il composto in frigo e occupatevi della vellutata.

sbianchite le foglie di scarola in acqua bollente per un minuto, scolatele e trasferitele immediatamente in acqua fredda, in questo modo le foglie rimarranno di un bel verde.

frullate le foglie e il rimanente olio evo con l'aiuto di un frullatore ad immersione.

recuperate il composto di ceci dal frigo e formate dei piccoli hamburger che passerete nel pangrattatato.

disponete gli hamburger in una teglia da forno leggermente unta e cuocete per 15 minuti a 200°.

componete in fine il piatto mettendo sul fondo la vellutata e in seguito i mini hamburger di ceci accompagnati da piccoli fiocchi di yogurt greco.




+

Insalata con sgombro e Kiwi

ricetta semplice e veloce, ma particolarmente appetitosa grazie ai contrasti delle differenti consistenze, colori e sapori.
ottima per un pranzo primaverile, leggero ma sfizioso, perfetta da mettere nella “schiscetta” per scatenare l’invidia dei colleghi di lavoro.


ingredienti:
1 scatoletta di sgombro al naturale
1 kiwi
1 carota
1 fetta di pane integrale
insalata mista
semi di sesamo
olio evo

mondate e asciugate l’insalata.
tagliate la fetta di pane a cubetti e passateli in forno per qualche minuto fino a  renderli croccanti.
pelate la carota e ricavate delle sottili strisce aiutandovi con il pelapatate.
sbucciate il kiwi e tagliatelo e tocchetti. sgocciolate lo sgombro.
componete ora il piatto disponendo sul fondo l’insalata, poi lo sgombro e in fine i kiwi e le carote.
terminate il piatto con i crostini di pane, i semi di sesamo e l’olio evo.